La analisi dell’urbano non segue piu da attiguo la morfologia, la vicenda o i processi istituzionali, tuttavia il modo mediante cui lo spazio esprime, acuisce, attenua, rende concreti quei temi affinche, elevati per insieme, forzano i confini del isolato corpo».

La analisi dell’urbano non segue piu da attiguo la morfologia, la vicenda o i processi istituzionali, tuttavia il modo mediante cui lo spazio esprime, acuisce, attenua, rende concreti quei temi affinche, elevati per insieme, forzano i confini del isolato corpo».

Francesco Careri, di traverso un esposizione per immagini di azioni condotte contemporaneamente al gruppo Stalker e verso tanti prossimo negli ultimi venticinque anni, affrontera il timore Alternative nomadi attraverso dimorare le municipio.

La proposizione di fitto e cosicche «l’architettura non nasce sedentaria, bensi nasce vagante. Ed e verso il comune viaggiare delle genti erranti, cosicche sopra tutte le civilta arcaiche si sono sviluppati quei complessi sistemi di regole culturali che sono alla sostegno dell’ospitalita. Vagabondaggio e albergo hanno stabilito modello al nostro occupare molto piuttosto di quanto pensiamo, e possono ora aiutarci per migliorare il nostro taglio di vitalita e verso trasformare le nostre citta».

Giovedi 25 febbraio alle ore 17, la terza adunanza, “nel paesaggio”, per mezzo di Cristina Barbiani, Matteo Meschiari, Marco Mulazzani. Matteo Meschiari, antropologo, maestro di Geografia all’accademia di Palermo, parlera delle radici profonde del “fare paesaggio” nella nostra stupore e di appena l’intervento di mutamento del ambiente iniziato 1,8 milioni di anni fa dall’Homo habilis sia diventato «invenzione del paesaggio» unitamente l’arrivo, 200 mila anni fa, dell’Homo sapiens, e attuale a causa di esecuzione della astuzia evolutiva di salvezza della nostra stupore. Continue reading “La analisi dell’urbano non segue piu da attiguo la morfologia, la vicenda o i processi istituzionali, tuttavia il modo mediante cui lo spazio esprime, acuisce, attenua, rende concreti quei temi affinche, elevati per insieme, forzano i confini del isolato corpo».”